MOVE: il video ufficiale è online

Dopo il video virtualizer a 360¬į lanciato pochi¬†mesi fa, oggi √® finalmente uscito il video ufficiale di MOVE dagli immancabili toni vintage che da sempre caratterizzano la band dei Saint Motel. Noi ve lo postiamo qui sotto e subito dopo alcune brevi informazioni.

Come potete vedere nel videoclip la band suona in diretta durante la trasmissione di uno show televisivo in sostituzione dei notiziari.¬†Ben presto un incidente che avviene proprio durante la diretta, far√† s√¨ che le audience del pubblico raggiungano il picco massimo di ascolti fino ad allora in discesa. Al video ha partecipato anche il musicista e attore¬†Reggie Watts¬†. A/J Jackson, il cantante e leader dei Saint Motel, ha detto che lui e Carlos Lopez Estrada, uno dei registi del video musicale, hanno iniziato a pensare¬†all’idea per il video di Move, molti mesi prima che il brano¬†fosse finito. L’idea √® stata poi centrata¬†appunto su quello che poteva essere un notiziario¬†televisivo che sembrava calzare bene con il pezzo, proprio per l’aspetto rapido con il quale tendenzialmente i notiziari trasmettono le informazioni. E cos√¨ il video di Move √® diventato un progetto tra amici. Infatti la band conosceva gi√† i registi, dai tempi in cui frequentava la scuola di cinema: Zach Wechter, Nick Roney¬†e Lopez Estrada, che hanno lavorato al video di Move. La band ha detto che Watts, che ha partecipato come precedentemente accennato al video, √® come¬†il cameo di tutto il progetto. A/J Jackson lo ha definito come¬†‚Äúthe sexy gravy on top” che in italiano suona male, per tanto speriamo di riuscire comunque a farvi capire il senso lasciandolo in lingua originale.

Fonte: www.ew.com

Ask me anything: le domande dei fan e le risposte della band

Photo Credits: SAINT MOTEL

Avete partecipato all’Ask Me Anything indetto dai Saint Motel sul sito di Reddit? No? Non vi preoccupate noi siamo andati a rovistare tra le domande dei fan e le risposte della band. In altre parole mercoled√¨ scorso la band si √® messa a disposizione del pubblico per rispondere alle domande pi√Ļ disparate, e fra battute ironiche e discorsi interessanti noi abbiamo raccolto le notizie pi√Ļ significative e divertenti. Inoltre vi invitiamo a contattarci se volete contribuire con ulteriori contenuti che possono esservi sembrati intriganti. Dunque fra discorsi generici e domande su ”cosa hai mangiato oggi a pranzo” oppure ”preferireste combattere con 100 anatre ad altezza d’uomo o con 100 uomini alti come un’anatra?”, dove Aaron risponde ”a me piacciono le tartarughe” (LOL), la cosa che spicca di pi√Ļ √®… la notizia che il video ufficiale¬†di MOVE uscir√† la prossima settimana!!! Come saprete Move √® stata lanciata qualche tempo fa con la versione video virtualizer a 360¬į, e dunque chiss√† cosa¬†ci mostreranno questa volta i ragazzi, che sappiamo benissimo sorprenderci sempre con video elettrizzanti! Per quanto riguarda il nuovissimo album SaintMotelevision uscito soltanto venerd√¨ scorso, la band afferma di averci lavorato¬†per circa due anni, hanno scritto e composto i brani viaggiando in¬†svariati luoghi del¬†mondo tra i pi√Ļ¬†straordinari e i pi√Ļ terribili. Da deserti circondati dal nulla assoluto, alla spiaggia di Santa Barbara fino al retro di uno squallido (o shitty come afferma Greg) night club in Germania. Quando si tratta di scrivere e comporre, tutti i luoghi vanno bene. Alla band non piace affatto¬†rintanarsi in uno studio buio per mesi e mesi e far saltare fuori dalle loro mani un disco in questo modo.¬†E’ un metodo che non li diverte per nulla. Riguardo al pezzo di¬†Sweet Talk che sembra essere ispirato ad un altro meraviglioso brano della band,¬†Daydream/Wetdream/Nightmare, pare che il testo sia stato scritto durante il¬†tuor in Inghilterra. Mentre Destroyer √® stato probabilmente il brano pi√Ļ difficile da completare poich√© era stato realizzato con¬†oltre¬†20 versioni differenti. Chiss√† forse¬†un giorno i ragazzi potrebbero pensare di registrarle tutte e pubblicare¬†una demo che le contiene. Qualche fan curioso ha chiesto informazioni riguardo anche alla grafica di SaintMotelevision che √® stata progettata da A/J e Matt Meiners (come riportato all’interno della copertina del disco). Naturalmente l’idea √® un evidente richiamo alla¬†grafica del precedente¬†EP di My Type¬†che vuole dare continuit√† al progetto in questo senso. Inoltre sembra che il design iniziale comprendesse la figura di un anziano signore che si tuffa,¬†e a seguito di alcune bozze realizzare, il progetto √® diventato¬†sempre pi√Ļ semplice e pulito fino a quello che oggi vediamo sulla copertina dell’album. Qualcuno chiede anche quale sia stato per la band il video pi√Ļ divertente da realizzare, e loro rispondono dicendo che il loro preferito √® il video non ufficiale di My Type, ve lo ricordate? Si tratta del video omaggio da parte della band a Raffaella Carr√†. Qualcun altro tra i fans fa domande riguardo ai gusti musicali dei Saint Motel, ed essi affermano che quando hanno iniziato a suonare insieme hanno ascoltato tantissimo David Bowie, i Talking Heads e The Who. Sapete invece cosa rispondono quando viene chiesto loro dove acquistano i loro abiti cos√¨ cool? Indovinate un po’… In Italia! Eh S√¨, che la band sia affezionata al bel paese lo sapevamo gi√†, ma questo ci rende ancora pi√Ļ contenti. E cosa dire riguardo al sogno di collaborare con qualcuno di importante o al peggior incubo di collaborazione mai immaginato? Beh la risposta √®… con gli Alieni! E¬†come contraddirli! In effetti sembra eccitante¬†e terrificante allo stesso tempo (ma ma ma LOOOL)! E con questa ultima ma non meno esilarante risposta noi vi salutiamo: ”Il posto pi√Ļ memorabile dove avete suonato?” ….. ”LA LUNA’!”

A presto,

Saint Motel Italia

N.B: se si intende condividere le informazioni da noi tradotte in questo articolo vi chiediamo gentilmente di citarci nei vostri social o sitiweb. Inoltre vi ricordiamo come sempre che accettiamo collaborazioni, puoi saperne di pi√Ļ nella sezione collabora oppure inviaci una mail a saintmotelitalia@gmail.com.

Saint Motel European Tour: in Italia a Febbraio 2017

Qualche ora fa la band dei Saint Motel ha annunciato sui social network le date previste per il tour europeo che prevede una, e sembrerebbe, unica data italiana per il 21 Febbraio 2017 al Fabrique di Milano. Riportiamo testualmente quando pubblicato su Facebook dalla band:

EUROPEAN TOUR DATES!
We’re so excited to come back to Europe, check out the dates below.

ūüĆéTickets On Sale Friday at 10:00 AM Local Time at www.saintmotel.com

07 FEB 2017 – ¬†Glasgow – King Tut’s Wah Wah Hut
08 FEB 2017 Р Manchester РThe Deaf Institute
09 FEB 2017 Р London РScala
11 FEB 2017 Р Paris РBADABOUM
14 FEB 2017 Р Brussels РBotanique
15 FEB 2017 Р Amsterdam РBitterzoet Amsterdam
16 FEB 2017 Р Berlin РMusik & Frieden
18 FEB 2017 Р Hamburg РMolotow
20 FEB 2017 – ¬†Zurich – Mascotte Club Z√ľrich
21 FEB 2017 Р Milan РFabrique Milano

I biglietti sono disponibili in anteprima su¬†www.iovado.club¬†a partire da domani, gioved√¨ 20 ottobre h 9, sito segnalatoci da Indipendente Concerti, il tutto previa iscrizione, su ticketone.it¬†dalle h 9 di venerd√¨ 21 ottobre¬†e naturalmente sul sito ufficiale saintmotel.com¬†sempre venerd√¨ 21 ottobre a partire dalle h 19:00 (ora italiana). Parte del nostro staff sar√† naturalmente presente al Fabrique in quella data, nel frattempo attendiamo trepidamente l’uscita di SaintMotelevision.

A presto,

Saint Motel Italia

Saint Motel: ecco come li ho scoperti

A/J
Screenshot dello scorso aprile dal profilo della band su Instagram

Oggi vi racconto come ho conosciuto la band. Venivo da un periodo di cambiamento in fatto di gusti musicali, stavo passando dalla musica elettronica, che tutt’ora apprezzo, ad un ritorno alla musica strumentale che ho sempre ascoltato. Un bel giorno, un amico mi passa il video di My Type, convinto che conoscessi gi√†¬†il pezzo vista la sua popolarit√†. In realt√† non l’avevo mai sentito prima, un po’ perch√© raramente ascolto la radio visto che utilizzo quasi solo ed esclusivamente Spotify con i suggerimenti musicali e le mie playlist personalizzate, e un po’ perch√© non accendo praticamente mai la televisione e per tanto non mi imbatto nei canali musicali. La prima impressione √® stata qualcosa di paradossale visti poi i risvolti che vi sono stati. Probabilmente era qualcosa di simile a¬†fascino¬†misto a fastidio,¬†anche se non saprei spiegarvi esattamente il motivo. Tuttavia pi√Ļ ascoltavo il pezzo pi√Ļ me ne innamoravo, cos√¨ la mia curiosit√† per la band si accendeva ogni giorno di pi√Ļ. Un po’ come mi capita sempre quando scopro delle band che mi piacciono. Cos√¨ a marzo dell’anno scorso ho deciso di scrivere la biografia dei Saint Motel per una delle tante riviste online con le quali collaboro, ed ecco che iniziavo ad appassionarmi, soprattutto perch√© la band viene dal mondo del cinema, mondo che per un certo periodo della mia vita ha fatto parte del mio percorso di studi. Il fatto che con il tempo mi sia concentrata sull’illustrazione e la grafica √® un’altra storia ūüėČ Comunque sia √®¬†proprio poco tempo dopo che decido di disegnare per la prima volta la faccia di A/J, cantante e leader della band, che grazie ai suoi lineamenti interessanti mi ha ispirata. La sorpresa dopo √® stata indescrivibile, il mio disegno finisce nei profili della band perch√© sono stati loro stessi a trovarlo e pubblicarlo. Questo √® stato il primo di una lunga serie, insieme anche ad un video omaggio che ho girato insieme a degli amici, quando ancora non facevo parte di Saint Motel Italia. Il video lo potete vedere: qui. Vi chiedo scusa ma nel video pubblicato c’√® un piccolo errore, ovvero la firma¬†in fondo che √® stata successivamente cambiata in¬† GLAM HERTZ BOUNCE e cos√¨ rimarr√† ūüôā

Il video originale della band:

Insomma questo a grandi linee √® ci√≤¬†che mi ha avvicinato alla band, compresi chiaramente i live che mi sono gustata con grande entusiasmo a Milano l’anno scorso e dove ho potuto conoscerli di persona. Se volete vedere gli altri lavori pubblicati dalla band potete sfogliare i loro album fotografici su Facebook e cercare la mia firma. Soltanto la scorsa settimana √® stato pubblicato anche il disegno della nostra collaboratrice che ha riscosso un grande successo soprattutto sul profilo Instagram della band. Attualmente ci stiamo tutti impegnando tanto e con grande motivazione e presto vi sveleremo tante altre belle novit√† che speriamo possano piacervi e contribuire a far conoscere la band il pi√Ļ possibile in Italia ma anche nel mondo. E voi come avete conosciuto i Saint Motel?

A presto e buona settimana

Musica che senti o musica che pensi?

Cosa ti avvicina alla musica? Per quanto mi riguarda mi sono avvicinata alla musica dei Saint Motel per caso. Come per puro caso sono successe molte cose nell’ultimo anno in particolare legate a questa band adorabile. Non so voi, ma a me √® capitato di ascoltare My Type, pezzo ormai pi√Ļ che noto dei nostri quattro californiani, passatomi al tempo da un amico. Stavo uscendo da una fase musicale un po’ particolare poich√© ero appunto alla ricerca di qualcosa di nuovo, diverso, sorprendente! E vi dir√≤ che a primo impatto l’immagine della band, pi√Ļ che i suoni naturalmente, mi fece storcere un po’ il naso. Chiss√† per quale¬†motivo e¬†chi lo avrebbe mai detto che invece mi sarei appassionata a loro cos√¨ tanto. Tuttavia pi√Ļ ascoltavo il pezzo e pi√Ļ me ne innamoravo, pi√Ļ guardavo il video pi√Ļ l’atmosfera anni ’70 mi affascinava terribilmente. Per altro sono sempre stata una ”nostalgica delle epoche mai vissute”, quindi potete immaginare il mix di emozioni che si accendevano in me. S√¨ perch√© la musica √® vita, non oso immaginare una vita priva di musica in che miseria emozionale¬†possa scivolare, uno di quei vortici di cui probabilmente non vedi il fondo. Fortunatamente non √® il mio caso, e tornando ai Saint Motel posso dire che in breve tempo ho avuto il desiderio di conoscere a fondo le loro canzoni, i loro testi, e il perch√© di tante curiosit√†. Ad esempio, dove accidenti trovano tutte quelle camicie strampalate? Ne voglio qualcuna anche io! ūüėÄ E comunque, in un panorama italiano, dove gran parte* della musica indie rispecchia la nostra societ√† (e qui non mi soffermo), la freschezza e l’originalit√† dei Saint Motel mi ha sollevato da un clima musicalmente politicizzato, superficiale, cupo, complicato e pieno di grida. Le grida comunque sono il meno, anzi gridate ogni tanto che a tenere nella pancia troppe cose si rischia l’indigestione. Fatto sta¬†che la loro musica √® ben distante¬†da un atmosfera cervellotica e pesante¬†che ho invece incontrato l’inverno passato in alcuni¬†live di varie band che si sono esibite nella mia citt√†. Sia ben chiaro¬†che ognuno pu√≤ e deve suonare quello che vuole, io a modo mio penso¬†che la musica¬†deve essere scritta col cuore prima che con il cervello.

*include naturalmente delle eccezioni

“Move”, sar√† il titolo del prossimo singolo?

saint motel live
Photo credits: Carleigh Oeth

Venerdì 27 maggio i Saint Motel sono stati ospiti live al Hi-Fi Music Hall.
In questa occasione hanno suonato un nuovo pezzo live, intitolato “Move”, descritta come una canzone pop fresca contornata da fiati e ¬†un riff solido.
Insomma come da tradizione loro!

Al momento non ci sono video ripresi dai fan caricati su youtube.
Ma se dovessero esserci aggiornamenti ve lo sveleremo il prima possibile

fonte

Nuovo Album in arrivo

A/J in studio per gli ultimi ritocchi finali al nuovo album

Ok ci siamo! Soltanto la settimana scorsa la band dei Saint Motel ha annunciato l’arrivo di un nuovissimo album. Cosa dobbiamo aspettarci? Secondo voi che tipo di evoluzione avr√† la musica della nostra band preferita? Noi ricordiamo l’intervista su rtl dello scorso settembre 2015, dove A/J Jackson, mente creativa della band, affermava che l’album tanto atteso per questo 2016 avrebbe avuto uno stile decisamente pi√Ļ introspettivo. ¬†Questa cosa ci √® piaciuta davvero molto perch√© il termine ci fa venire in mente pezzi bellissimi dell’album Voyeur come Daydream/Wetdream/Nightmare.

Ma anche altri bei pezzi pi√Ļ allegri come Benny Goodman, e la malinconica At Least I Have Nothing. Insomma dobbiamo forse aspettarci una musica pi√Ļ riflessiva? Ad ogni modo siamo certe che qualsiasi forma prender√† il nuovo album avr√† sicuramente degli aspetti originali che rispecchiano l’identit√† della band e sappiano stupire le persone cos√¨ come hanno saputo fare fino ad oggi. C’√® da dire che ci piace sottolineare di nuovo la semplicit√† e la carica che sanno trasmettere, in particolare ci soffermiamo sulla semplicit√†¬†poich√© ad oggi forse √® un aspetto poco preso in considerazione o addirittura visto come qualcosa di negativo. Noi siamo dell’idea che ognuno ha i suoi gusti musicali e che √® bene poterli rispettare fin quando possibile, ma essere semplici √® cosa di pochi e son tutti bravi ad essere complicati.

A presto,

La Redazione

Welcome!

Benvenuti! Come è nostra abitudine fare, quando avviamo un progetto nuovo ci teniamo ad accogliere il nostro pubblico, e dunque vogliamo farlo con questo piccolo articolo. Innanzi tutto vi invitiamo a consultare la sezione Chi Siamo per poter conoscere la nostra mission e perché no, anche noi quattro admin. Come avrete capito questa è il sito italiano dedicato alla band dei Saint Motel per tanto è nostro intento farveli conoscere nelle loro molteplici sfaccettature, attraverso gli articoli che potrete leggere di volta in volta qui dentro e i contenuti da noi realizzati collocati nelle specifiche sezioni. Ci piace pensare ad un pubblico di fans italiani che si scambiano idee e opinioni su una band frizzante e allegra quali sono i Saint Motel, ecco perché concretizzare un punto di riferimento per tutti gli interessati. Detto questo, vi auguriamo una buona permanenza.

La Redazione